logo del sito Romainteractive
Sei in: Home > Visite Guidate > Santa Maria sopra Minerva > Cappella di San Pio V

CAPPELLA DI SAN PIO V

La cappella dedicata a San Pio V (1504 – 1572), dapprima appartenne alla famiglia Porcari, poi ai Millini, infine alla famiglia Braschi. Il Domenicano Papa Pio V promosse la lega cristiana (Lega santa), che si oppose agli ottomani e li sconfisse nella famosa battaglia di Lepanto (1571).
La pala d’altare di Andrea Procaccini (1671 – 1734), ritrae il Papa mentre alza la Croce verso gli ottomani sconfitti.
Alle pareti dipinti di Lazzaro Baldi (1624 – 1703), la volta è affrescata da Michelangelo Cerruti (1663 – 1748).

Pio V prima di divenire Papa era stato Grande Inquisitore rivelandosi inflessibile persecutore di ogni eterodossia, da Papa la sua intransigenza gli valse una feroce pasquinata:
“Quasi che fosse inverno
Brucia cristiani Pio siccome legna
Per avvezzarsi al fuoco dell’inferno”.

Perseguitò gli ebrei e con la bolla Hebraeorum gens rese impossibile la vita di molte comunità ebraiche costrette a restringersi nei ghetti di Roma e di Ancona, o a fuggire dallo stato Pontificio.
Papa Sisto V (1520 – 1590), abrogò i provvedimenti presi da Pio V, ma successivamente Clemente VIII (1536 – 1605), riprese la politica antiebraica con la bolla Caeca et obdurata
Pio V non fu meno intransigente in politica estera di quanto non lo sia stato negli affari interni, tra l’altro scomunicò Elisabetta d’Inghilterra.

Fu lodato per l’austerità dei suoi costumi e per aver combattuto il nepotismo.

 

back

Vai al sito dell'Università di Roma Tor Vergata